Cari Italiani:”Non ci resta che piangere”

Cari Italiani:”Non ci resta che piangere”

Come dalla  lettera di Francesco Petrarca :«Non tutto in terra è stato sepolto: vive l’amor, vive il dolore; ci è negato veder il volto regale, perciò non ci resta che piangere e ricordare.»

L’altro ieri sera con tanta passione e tanta speranza ho atteso il discorso del Presidente del Governo su quello che aveva da dire per come preannunciato.

Ho ascoltato quello che ha detto e che sappiamo tutti riguardo alla chiusura completa di ogni tipo e genere di attività produttiva salvo quelle essenziali , e stavo nell’attesa che dicesse anche di come concretamente  dovevamo avere i soldi per andare a fare la spesa, riempire il frigorifero, accendere e spegnere la luce, visto che le bollette stanno continuando ad arrivare e così via, quindi sapere cosa e come fare per soddisfare i minimi bisogni esistenziali.

Invece niente di tutto questo perché subito dopo che proclamato l’ordine di chiudere tutte le attività produttive ha esortato che dobbiamo stare calmi fare sacrifici e che le misure del suo intervento si vedranno a lungo tempo e tutto questo mentre in tutte le trasmissioni della RAI scorreva l’invito di donare alla protezione civile con tanto di codice IBAN….continua su corrierequotidiano.it