Errori Covid19:Lettera aperta dell'Avv.Saverio Lauretta alle Istituzioni

Errori Covid19:Lettera aperta dell'Avv.Saverio Lauretta alle Istituzioni

Pensiamo, veramente, che la soluzione “sic et simpliciter” a tutto questo potrà essere, così come proposta,  solo quella del “Vaccino contro il Covid – 19” che poi potrà diventare Covid – 20, poi 21 , poi 22 e cosi via come avviene per gli antivirus nei computer che con una frequenza cadenzata si debbono aggiornare rispetto alle versioni che successivamente vengono introdotte nel mercato ?

Ovviamente non entro affatto nel merito di questa possibile scelta per la soluzione ,però capisco che, per come si è globalmente diffusa questa Pandemia, è probabile che il mercato per questo vaccino, che qualcuno dovrà pagare,  potrebbe essere pari a quello corrispondente a tutta la popolazione mondiale e per questo, addirittura, anche “gli sceicchi” vogliono investire nel business dei farmaci vaccini ....

Se così è si può, forse, immaginare, il valore stratosferico di questo “business” ancor più se si fa riferimento e si considerano i contenuti dei programmi pluriennali di certe organizzazioni.

Lettera aperta dell'Avv. Lauretta Saverio alle Istituzioni con invito alla lettura e all'azione

Di di seguito il testo integrale.

                                           _______________________________________

Al Sig. Presidente della Repubblica Italiana
Al Sig. Capo del Governo Italiano
A tutti i Sigg.ri Senatori ed Onorevoli del Parlamento Italiano
Al Sig. Presidente della Corte Costituzionale
Al Sig. Presidente della Corte di Cassazione
Al Sig. Procuratore Generale Militare presso la Corte Suprema di Cassazione
Al Sig. Procuratore Nazionale Antimafia della Repubblica
Ai Sigg.ri Giudici e Pubblici Ministeri della Repubblica Italiana
Al Sig. Capo della Polizia
Al Sig. Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri
Al Sig. Comandate Generale della Guardia di Finanza

Nonché

Al Sig. Segretario Generale delle Nazioni Unite
Al Sig. Presidente del Consiglio della Comunità Europea
Al Sig. Commissario Europeo per l'Economia
A tutti i Deputati del Parlamento Europeo

                                                                                         ******

Conosciamo come “Criminale” quella forma particolare di condotta umana che si manifesta ed esprime mediante attività illecite che violano regole e leggi per il raggiungimento di un profitto economico prefissato.

E’, ad esempio, “Criminale” la condotta di:

• chi s'impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé o per altri (reato di furto art. 624 Codice penale);
• chi, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, mediante violenza alla persona o minaccia, s'impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene….. (reato di rapina art. 628 Codice Penale);
• chi, mediante violenza o minaccia, costringendo taluno a fare o ad omettere qualche cosa, procura a sé o ad altri un ingiusto profitto con altrui danno …….(reato di estorsione art. 629 Codice Penale);
• chi promuove, costituisce, dirige, organizza o finanzia” il gruppo associativo dedito ad arricchirsi col commercio di droga;
• chi, per l'esercizio delle sue funzioni o dei suoi poteri (Pubblico Ufficiale), indebitamente riceve, per sé o per un terzo, denaro o altra utilità, o ne accetta la promessa, …… (reato di corruzione art. 318 Codice Penale);
• chi, abusando della sua qualità o dei suoi poteri (Pubblico Ufficiale o Incaricato di Pubblico Servizio), costringe taluno a dare o a promettere indebitamente, a lui o ad un terzo, denaro od altra utilità …..(reato di concussione art. 317 Codice Penale);
• e così via proseguendo ……….

Quando l’attività criminale vede la partecipazione di più persone in gruppi, più o meno articolati, che si prefiggono il raggiungimento di profitti economici mediante attività illecite che violano regole e leggi si parla, allora di “Criminalità Organizzata” che indica le attività criminose di particolari tipi di organizzazioni, definite organizzazioni criminali, non costituite in maniera fortuita per la commissione estemporanea di reati, ma organizzate in maniera relativamente stabile con uno schema gerarchico e con un obiettivo comune.

Un gruppo di criminali può definirsi “Organizzazione Criminale” nel momento in cui la sua struttura è disciplinata in modo tale che si possa identificare nel gruppo una struttura verticistica di base o un modus operandi comune tra i vari membri dell’organizzazione oltre ad altre caratteristiche che possono essere secondarie come l’appartenenza etnica, religiosa o ideologica, la durata del vincolo associativo e il grado di gravità dei reati commessi.

Un tipo particolare di “Organizzazione Criminale” è certamente la “Mafia” , la “ Ndrangheta”, la “Camorra”, la “Sacra Corona Unita”, così come a livello transnazionali la “Mafia Russa”, la “Mafia Nigeriana”, la “Mafia Cecena”, la “Mafia Irlandese”, le “Triadi Cinesi”, la”Yakuza” e cosi via tante altre.

Ci sono pure una serie di “Organizzazioni Criminali”, localizzate in molte parti del mondo, che sono prive di qualsiasi specifico legame riconducibile a un background etnico o territoriale ma che operano con un metodo comune definibile come “mafioso”, come i cartelli internazionali della droga, che operano servendosi di numerose cellule sparse in diversi territori e che includono, tra le loro file, membri di diversa estrazione etnica e sociale, dal produttore iniziale al dettagliante finale.

Infine vi sono le “Organizzazioni Terroristiche” che sono, anch’esse, considerate una tipologia di “Organizzazione Criminale” con obiettivi, però, politici piuttosto che esclusivamente finanziari, per cui, alla fine, vi è sovrapposizione, ma non separazione, tra terrorismo e criminalità organizzata.

Per far fronte a tutto questo, e quindi alle attività Criminali e Terroristiche, organizzate e non, che hanno tutte in comune il raggiungimento di “PROFITTI ECONOMICI” mediante attività illecite che violano regole e leggi, abbiamo una Magistratura preparata che quotidianamente, grazie all’attività delle Forze dell’Ordine, combatte questi fenomeni.

Come?...continua su corrierequotidiano.it